Ricerca Messaggio
Mittente:
Mese:




Nella vita nulla è dovuto, e tutto è da conquistare.

Enzo Biagi

Postato il 24-Sep-2017 alle 20:55:30 • Rispondi
• Le cose belle della vita... (da: tua ferny)


E' necessario l' infelicità per capire la gioia,
il dubbio per capire la verità,
la morte per comprendere la vita.
Perciò affronta e abbraccia la tristezza quando viene.

MadreTeresa

Postato il 24-Sep-2017 alle 20:54:24 • Rispondi
• Le cose belle della vita... (da: tua ferny)

La fiducia è una cosa fragile. Facile da rompere, semplice da perdere e molto difficile da recuperare.

Dal web

Postato il 24-Sep-2017 alle 20:53:41 • Rispondi
• Le cose belle della vita... (da: tua ferny)

Le persone forti le riconosci subito.
Se chiedono, dicono "grazie".
Se sbagliano, chiedono scusa.

Dal web

Postato il 24-Sep-2017 alle 20:52:29 • Rispondi

RE: Le cose belle della vita... (da: tua ferny)

DELUSION
Risposta del 24-Sep-2017 alle 20:52:50 • Rispondi
• Tempo... (da: Tua ferny)

Non abbiamo mai tempo... Eppure il tempo è tutto ciò che abbiamo.

Cit.
Postato il 26-Jul-2017 alle 12:15:10 • Rispondi
• Ciao Fabio Rinaldi... postato dalla sua ragazza Anna Grimaldi (da: Tua ferny)
Ad un anno dalla sua prematura scomparsa, non sono io a voler parlare. Ma lascio che sia una lettera scritta dal mio Guerriero a lanciare un forte messaggio a noi tutti, sperando che un giorno la cattiveria e l'avidità cedano il posto alla solidarietà e alla benevolenza.
"Sono passati esattamente 172 giorni da quando è iniziato il periodo più brutto della mia vita. Chemioterapia, pasticche, prelievi, flebo, punture, esami, trapianto di staminali e quant'altro.
Quello che ho visto e provato sarebbe inutile dirlo, perché la maggior parte non capirebbe, e da una parte è un bene. In poco tempo mi sono ritrovato a sentirmi lontano da tutto ciò che era "normale". Lontano dalle aspirazioni di un ragazzo di 23 anni qualunque. Non esistevano più colori, profumi, sapori. Tutto era monocolore e monodore in quell'ambiente surreale fatto di luci al neon e di mascherine protettive.
Il pollo sapeva di metallo, il pesce sapeva di metallo, l'acqua sapeva di metallo, la vita sapeva di metallo. In quel momento scopri quanto sei forte, perché essere forte è l'unica scelta che hai.
Credevo che questo giorno non sarebbe mai arrivato: il giorno della mia vittoria.
Dopo 5 mesi la luce. Sono di nuovo "normale".
L'impatto con "la realtà delle persone normali" destabilizza dopo tutto quello. Ormai sai riconoscere la diversità di ognuno, non li giudichi più dall'apparenza, da quello che hanno, ma da quello che sono. Guardi dentro ogni persona e scopri ogni sofferenza, ogni mancanza, ogni paura.
Sai cosa vuol dire lottare per un attimo di felicità, ma vedi che intorno a te c'è chi si lamenta di non essere felice perché non ha qualcosa o qualcuno che vorrebbe avere. Vedi l'invidia, l'egoismo, l'indifferenza.
TUTTO NASCE DENTRO DI NOI. Non capisco perché l'uomo abbia bisogno di soffrire per tirare fuori il coraggio di vivere davvero.
Oggi posso dire di sentirmi una persona molto migliore, non avrei mai pensato di dover affrontare una battaglia del genere, a quest'età. Sono sempre stato sano come un pesce, non mi ammalavo mai, mi sentivo intoccabile, e invece... La vita è imprevedibile, ma nonostante tutto mi ritengo una persona molto fortunata; durante questa esperienza ho conosciuto tante persone, che purtroppo non avevano malattie "facilmente" curabili come la mia, ed è soprattutto per loro che io devo vivere, amare la vita, e lottare ancora se ce ne sarà di nuovo bisogno. Ho passato momenti in cui pensavo di non farcela, dove credevo che i dolori della chemio fossero più grandi di me. Sono stati mesi duri, ma non mi sono mai sentito solo. In questo cammino ho avuto un aiuto enorme dalla mia famiglia. Quando passi più tempo in ospedale che a casa, capisci realmente il valore che ha. Una famiglia meravigliosa che non smetterò mai di ringraziare!
Un ringraziamento va ai fantastici medici ed infermieri che si sono presi cura di me in questo percorso, ed a tutti voi amici che con un semplice messaggio mi avete dato la forza di andare avanti.
Un grazie va anche a tutte quelle persone che sono andate a donare il sangue per me.
E' stato importante anche l'amore... La mia ragazza, Anna, che ha passato con me serate intere, serate che tutti i giovani della nostra età passano a divertirsi. Lei invece era con me... in casa, gliene sarò eternamente grato.
In questi mesi ho dato tutto me stesso per essere ancora qui, ed ho capito che morire non è nulla, ma non vivere è spaventoso.
Godetevi ogni attimo della vostra vita"
Postato il 19-Jul-2017 alle 10:54:16 • Rispondi