Ricerca Messaggio
Mittente:
Mese:




Parlerò di un uomo ucciso
Non da una coltellata, bensì da un sorriso
Dovrebbero studiarlo bene nei licei
Discuterne tra gli scienziati
Io che sono un indeciso
Lei che ammette se non ha mai letto un libro
Dovrebbero proteggerla come i musei
Come si fa tra innamorati
Io c'ho provato, amore
Ad essere speciale almeno un po' per te
Ma non sono speciale
Vorrei fossi speciale almeno tu per me
Dimmi che, eh, eh-eh
Ricorderai, ricorderai, ricorderai che eravamo proprio belli insieme
Ricorderai, ricorderai, ricorda, anche io ho sofferto come un cane
Cosa ci fai, cosa ci fai, cosa ci fai?
Dimmi, non vedevi che la differenza tra noi è una differenza... abissale?
Parlerò di una ragazza che uccise un uomo che stava guardando l'alba
Gli disse, "L'alba non si guarda mai da soli, mi siederò con te
Che sei un tipo strano come me che guardo sola i tramonti
Fammi vedere i tuoi mondi"
Ricorderai, ricorderai, ricorderai che eravamo proprio belli insieme
Ricorderai, ricorderai, ricorda, anche io ho sofferto come un cane
Cosa ci fai, cosa ci fai, cosa ci fai?
Dimmi, non vedevi che la differenza tra noi è una differenza... abissale?
Ricorderai, ricorderai, ricorderai che eravamo proprio belli insieme
Ricorderai, ricorderai, ricorda, anche io ho sofferto come un cane
Cosa ci fai, cosa ci fai, cosa ci fai?
Dimmi, non vedevi che la differenza tra noi è una differenza... abissale?

Postato il 4-Dec-2022 alle 8:48:53 • Rispondi
• A chi non c'è più... (da: Tua FeRNy)

In ogni mio gesto
vi è sempre nascosta
una piccola parte di Te…

Giorno dopo giorno, sempre…

Frammenti d’amore
per sopravvivere all’assenza,
e non dimenticarti mai!


Sara Bianchini
Postato il 30-Nov-2022 alle 14:25:44 • Rispondi
• 04.11.2004 - 04.11.2022 (da: Tua FeRNy)

Il 4 novembre 2004 uno dei “nostri cuccioli” - come teneramente li chiamiamo noi volontari U.G.I. - si è arreso.
Si è lasciato andare - Non ce la faceva più.

Questo “cucciolo” Francesco, aveva 17 anni, 3 mesi e 19 giorni.

Occhiali scuri da divo, berretto con visiera sempre calzato, mani sprofondate nei tasconi dei pantaloni larghi – Scanzonato, allegro, generoso, atteggiamento “da vissuto”…
Amico di tutti conquista con la sua solarità e la simpatia prorompente e spumeggiante del suo carattere e l’immediatezza del suo porsi, genuino e schietto come la sua terra di Sicilia.

Prende in giro e si lascia prendere in giro con ironia e arguzia.
Ha voluto venire su, a Torino a percorrere e consumare il suo ultimo “miglio” di strada, a condividerlo con i suoi amici medici, con le sue amiche infermiere, con i suoi amici volontari, con tutti coloro che l’hanno seguito e accompagnato nella sua malattia.

Se ne è andato con dignità, con serenità, con coraggio, con semplicità grazie al cammino fatto ed alla serenità della sua mamma e del suo papà (li ho visti sorridenti consolare il medico preferito in un momento di sconforto!!!) e di tutta la famiglia stretta con discrezione, presente anche con il silenzio.

L’accettazione della nostra natura umana mortale, fragile, limitata, la rassegnazione ed il “fidarsi” del Padre hanno dato senso, speranza, spiritualità.
E’ eccezionale essere testimoni di un vivere il morire così particolare.

Francesco, oltre il suo grande graffiante imprinting che si è impresso nei nostri cuori ci ha lasciato questo regalo, queste “Lyrics by Francesco” che mi piace condividere con voi così come sono: struggenti, tenere, ricche, intense, enigmatiche, disperate, speranzose, VERE.

Pierluigi ROCCA
Postato il 4-Nov-2022 alle 16:11:17 • Rispondi
• Francesca Lagrotteria... Grazie (da: Tua FeRNy)

E tu manchi, ogni giorno come se fosse stato ieri il giorno in cui ti ho sentito l'ultima e sei presente come se ci fossimo appena visti.
Manchi nei giorni in cui piove perché tu avresti trovato nella pioggia le note giuste per scrivere le tue poesie...e manchi nei giorni di sole perché avresti fatto in modo che fosse un giorno ancor più pieno d'amore.
Manchi oggi come mi sei mancato ieri e come mi mancherai domani.
Manchi ogni qual volta ascolto una canzone che mi ricorda te , manchi ogni qual volta succede qualcosa e avrei voglia di parlartene.
Ma tu ci sei, ogni qual volta guardo il mare infinito, ogni qual volta alzo la testa e osservo il cielo immenso. Tu ci sei in ogni giorno di vita vissuto, sei nel sorriso sulla mia bocca, sei in ogni smorfia allo specchio che anche tu avresti fatto prima di uscire da casa...
Tu ci sei nei giorni in cui c'è da mettersi in discussione e ci sei in ogni singolo giorno di vita vissuto...perché ho scelto di vivere anche per te. Tu che questa vita l'hai amata e l'hai tenuta stretta a te finché le tue forze te l'hanno consentito..tu che hai urlato a tutti la tua rabbia perché volevi vivere.
Tu che non ti sei mai fermato, tu che quando non hai potuto correre, camminavi piano e quando non potevi camminare volavi alto attraverso una matita o una penna in mano o la musica nella orecchie.
Tu non sarai mai archiviato perché sei nella vita di chi ha avuto la fortuna di esserci nella tua..tu che come un uragano coinvolgevi tutti.
Tu che hai fatto innamorare milioni di cuori...
Tu con il tuo sorriso che toglieva il fiato..
Tu che ti sei fatto volere bene da tutti sempre, con la tua educazione e la tua purezza d'animo. ..
Tu che hai unito persone con la tua presenza...
Tu sei il miracolo nella vita di chi ti ha conosciuto..
Per tutte queste ragioni non sarai mai archiviato. ..
Perché in un giorno qualunque. .ci sarà qualcuno che come me oggi, racconterà di te.
Tu ci sei e io ti sento.

Ti voglio bene Dj
Postato il 15-Oct-2022 alle 15:28:22 • Rispondi
• I sogni di Jo... (da: Semplicemente... )

La MADRE di un bambino “fragile”
e’una mamma SPECIALE.
È speciale nella sua complessità,nel suo animo,nell’amore che trasmette al suo bambino,in quegli abbracci,in qui momenti difficili trascorsi insieme.

La MADRE di un bambino “fragile” è una mamma MAGICA.
Trasforma le sue paure e le sue preoccupazioni in rassicurazioni,in speranza nel momento in cui accarezza il suo bambino e gli sussurra”andrà tutto bene”.
E non importa se dentro soffre tanto.
E non importa se ha paura.
Lei è forte.
Lei non esiste.
Esiste solo il suo bambino.
Lui è la sua unica priorità.

La MADRE di un bambino”fragile”è una madre ROCCIA.
Perché porta su di se il peso delle notti insonni,delle giornate fatte di ansie e di a speranza.
Ma sorride.
Si asciuga gli occhi,tira su le spalle e sorride.
Sorriderà sempre per il suo bambino.
Vive di ogni suo attimo.
Vive con lui ogni istante ogni conquista.
Intensamente.

La madre di un bambino”fragile” è una mamma ESEMPIO.
Perché vive di un amore unico,intenso.
E non importa se a volte le sembri mancare la terra sotto i piedi.
Il suo amore la sorreggerà SEMPRE.
Il suo amore sarà lo scudo che proteggerà lei ed il suo bambino.
Da tutto,da tutti.
PER SEMPRE.
Testo dedicato ad una persona speciale per me,una madre forte ed unica.

Testo di Marynik
Postato il 15-Oct-2022 alle 15:23:39 • Rispondi
• A chi non c'è più... (da: Tua FeRNy)

Il tuo cuore
lo porto con me,
lo porto nel mio…

Non me ne divido mai!

Dove vado io,
vieni anche tu.

Edward Estlin Cummings
Postato il 9-Oct-2022 alle 14:25:09 • Rispondi